Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Lunedì 10 agosto

La Notte di San Lorenzo a Festà di Marano sul Panaro

appuntamento con l'avvistamento delle stelle cadenti

Immagine corrente

L’appuntamento con la Notte delle Stelle a Festa di Marano sul Panaro, giunto alla 17a edizione, è diventata una tappa d’obbligo per tutti gli appassionati e i curiosi di astrofilia.

L’iniziativa è promossa dalla Sezione Scienze della Terra del Museo Civico di Ecologia e Storia Naturale di Marano sul Panaro, in collaborazione con l’Osservatorio Astronomico “La città delle stelle” di Carpi e Novi di Modena.

Il ritrovo è per le ore 21:30 circa nella piazza di Festa di Marano sul Panaro per un brindisi beneaugurale offerto dal Ristorante Albergo Marcella. A seguire il Dott. Giovanni Casari, Direttore dell’Osservatorio Astronomico “La città delle stelle” di Carpi e Novi di Modena, illustrerà il fenomeno delle Perseidi e le caratteristiche del cielo d’agosto.

Infine il trasferimento nell’area prativa ubicata all’ingresso del borgo (nei pressi dell’Oratorio di S.Rocco) dove, grazie allo spegnimento della pubblica illuminazione, il Dott. Casari presenterà le caratteristiche di stelle e pianeti.

L’osservazione, con l’ausilio di diversi telescopi, sarà guidata dagli astrofili dell’Osservatorio Astronomico “La città delle stelle”.

Le stelle cadenti e la notte di San Lorenzo

La fantasia popolare le ha definite "stelle che cadono", ma il termine è quanto mai scorretto: le scie luminose che vediamo nel cielo non possono essere "stelle" in caduta libera, poiché le stelle - come il nostro Sole del resto - sono corpi enormi e caldissimi, composti principalmente da idrogeno ed elio, che terminano le loro lunghissime vite (miliardi di anni) esplodendo o spegnendosi in modo più o meno burrascoso.
Nella tradizione popolare e religiosa questa notte è dedicata al martirio di San Lorenzo (Patrono del Comune di Marano sul Panaro). Le stelle cadenti non sarebbero altro che le lacrime versate dal santo durante il suo supplizio, che vagano eternamente nei cieli, e scendono sulla terra solo il giorno in cui Lorenzo morì, dando origine ad un'atmosfera incantata e carica di speranza. In altri casi “i fuochi di San Lorenzo” ricorderebbero le scintille provenienti dalla graticola infuocata su cui fu immolato il santo, poi salite in cielo. In realtà, per dovere di cronaca, San Lorenzo fu decapitato.
Dal punto di vista scientifico la caduta delle stelle è da imputarsi al passaggio, all'interno dell'orbita visiva terrestre, degli asteroidi della costellazione di Perseo (detti appunto Perseidi), uno sciame meteorico che  si manifesta dalla fine di luglio fino oltre il 20 agosto, con un picco di visibilità concentrato attorno al 12 agosto, quando le scie luminose possono raggiungere il numero di parecchie decine ogni ora. Ciò rende lo sciame delle Perseidi, note come “lacrime di San Lorenzo”, uno tra i fenomeni più rilevanti in termini di visibilità tra quelli che il nostro pianeta incrocia durante la sua rivoluzione intorno al Sole.

Scheda informativa

Scheda informativa
Quando
lunedì 10 agosto 2015
Orario: ore 21.30
Dove
Festà - Marano sul Panaro
Indirizzo: Festà - 41054 Marano sul Panaro (MO)
Mappa di Google: Mappa di Google
chiude le informazioni relative alle data

Documentazione allegata

Allegati

Notte di San Lorenzo a Marano s/P
Programma
data dell'ultimo aggiornamento: mercoledý 5 agosto 2015
San Lorenzo.pdf (193Kb)
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Deleghe
···› Commercio e turismo
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 5 agosto 2015
data di modifica: mercoledý 5 agosto 2015